fbpx
 

News4 Settembre 2020by Marisa MassaroLa SUPER opportunità del BONUS110% va colta con attenzione.

https://ram-consulting.org/wp-content/uploads/2020/09/Schermata-2020-09-04-alle-09.36.57-1024x641.png

E’ sull’ ATTENZIONE che voglio mettere l’accento nel trattare l’argomento, ORAMAI NOTO A TUTTI.

È indiscutibile la forte opportunità e la convenienza economica che il superbonus ci consente di cogliere per migliorare le nostre case ed ancor più il comfort abitativo. Ci sono tuttavia degli aspetti, che seppur poco trattati sono condizionanti per accedere ai vantaggi fiscali. 

Il primo in ordine metodologico è La REGOLARITA’ URBANISTICA DELLA NOSTRA CASA.

E’ questo un aspetto scontato per il legislatore che, appellandosi alla legge (DPR n. 380/2001, articolo 49) si avvale del principio per cui se l’immobile non è in regola e presenta degli abusi non puo’ accedere ad alcuna forma di agevolazioni e finanziamento.

“Una casa con abusi edilizi non può accedere al bonus “

Come fare per verificare la regolarità urbanistica dell’immobile?

Che si debba verificare per un’abitazione unifamiliare o per un edificio condominiale, l’iter è lo stesso; per edifici condominiali diventa tuttavia più complesso visto che occorre estendere la verifica alle singole unità immobiliari, suggerisco a riguardo il supporto di un tecnico.  

Ma vediamo cosa e come fare.

#PASSO1 Anzitutto occorre richiedere al comune di competenza il certificato di destinazione urbanistica dell’area su cui insiste il fabbricato ed i titoli edilizi richiesti per la realizzazione e/o le successive trasformazioni.

Ricordo che in Italia i titoli abilitativi per realizzazioni e trasformazioni dei fabbricati sono diventati obbligatori a partire  dal 1967, prima lo erano per i soli interventi nei  centro abitati (oggi ricadenti nei centri storici). Se quindi il fabbricato è stato realizzato prima di tale data, non ricade nel centro storico e su di esso non sono  stati MAI EFFETTUATI interventi edilizi bisognosi di autorizzazione, esso è in regola.

#PASSO2

 Acquisite documentazione e informazioni occorre verificare che lo stato attuale dell’immobile sia rispondente a quanto autorizzato.

Nel caso si riscontrino abusi e difformità si procede col valutare se essi siano sanabili.

La sanabilità dell’abuso dipende dalla sua natura e dalle norme urbanistiche  e di tutela che regolano la zona.

E’ importante soffermarsi sui vincoli di tutela che, interessano estese aree del nostro Bel Paese (ben si evince dalla mappa sottostante ed a cui rimando per una dettagliata consultazione http://www.sitap.beniculturali.it/).

 In dette aree la possibilità di sanare un abuso è vietata, fatta eccezione per limitate casistiche

Attenzione! La conformità urbanistica non si ottiene con l’accatastamento. Ricordo che accatastare un fabbricato non sana in alcun modo gli eventuali abusi edilizi e che la planimetria catastale non ha alcun valore legale.  Il catasto assolve al solo compito di censire e classificare il patrimonio immobiliare esistente.

Mi auguro di aver chiarito qualche dubbio per meglio cogliere le SUPER opportunità del Bonus e ti rimando al prossimo approfondimento.

Nel mentre…#STIAMOBENE  e buon SUPER BONUS  a tutti.

Se necessiti di approfondimenti tecnici e normativi, sono a tua disposizione, contattami con WhatsApp al 3384740981 oppure scrivermi  a marisamassaro@ramitalia.it

 

Marisa Massaro

Architetto e Brand Manager

marisamassaro@ramitalia.it

338 4740981

Condividi
Torna Su
Open chat