fbpx
 

BlogNewsWeb Marketing7 Dicembre 2022by Giovanni AccettolaGuarda un pò cosa mi è successo

https://ram-consulting.org/wp-content/uploads/2022/12/guarda-un-po-cosa-mi-e-successo-.jpg

Quante volte ci ritroviamo a fare qualcosa così, in automatico, come fosse routine, senza avere la percezione del valore che quella azione o quella attività può avere.

O addirittura a volta rinunciamo a priori…tanto che fa, è inutile, non cambia niente, perdo solo tempo. Vale a livello personale, vale a livello professionale, vale anche nel marketing.

Partiamo da una verità inconfutabile: ogni azione fa la differenza, ogni piccola attività è in grado di produrre un risultato, a volte proprio quello che magari abbiamo desiderato e che non è mai arrivato. Proprio quella azione a cui rinunciamo o che ignoriamo può invece sbloccare una situazione, risolvere un problema, generare un risultato.

Già, un risultato… devo dire che da un po’ di tempo ottenere risultati con le attività di marketing è diventato più complicato rispetto al passato. Fino a qualche anno fa, infatti, bastava semplicemente attuare una strategia online per ottenere riscontri sia in termini di branding, sia di lead generation che di conversione. E per gli imprenditori l’indicatore principale per ritenere un investimento riuscito o meno, anche nel marketing, è l’incremento delle vendite: no vendite, no party.

Eppure spesso faccio fatica a far percepire, soprattutto ad un nuovo cliente, l’importanza che può avere un singolo post su un social, una singola newsletter, un singolo contatto aggiunto in un database. E non sempre, in prima battuta quella attività porta immediata alla regina delle conversioni, ossia a una vendita. “Giovanni, ma che la facciamo a fare, non funziona, non si vende”. E invece va fatta, perché come detto in apertura ogni azione può fare la differenza.

In questi giorni mi è capitato di ricevere a distanza ravvicinata tre mail, da persone non di mia conoscenza. Due riguardavano una stessa esigenza: “Sig. Giovanni, mi sono imbattuto sul web nel suo articolo su come comportarsi in caso di account pubblicitario hackerato. Ho lo stesso problema ma non riesco a risolverlo. Se può farmi un preventivo per aiutarmi a mettere a posto la situazione le sarei molto grato”. Qualche mese fa, infatti, scrissi un articolo che proprio su questa tema, essendo stati hackerati i nostri account pubblicitari aziendali utilizzati per le sponsorizzate online, cosa che comportò addebiti fraudolenti per diverse migliaia di euro. Se non lo hai letto, puoi recuperarlo cliccando qui.

La terza mail invece iniziava così: “Ho trovato sul web una sua dispensa su come utilizzare whatsapp in ottica business […] stiamo organizzando un percorso formativo sui 15 principali temi del marketing e dello sviluppo d’impresa e saremmo ben lieta di averli tra i nostri relatori”.

Ricordo che quando scrissi quell’articolo sui profili hackerati quasi non volevo nemmeno farlo. Stavo per partire per le vacanze ed ero preso dalla chiusura delle ultime attività. Non posso perdere tempo anche per scrivere questa cosa. Ma lo feci. E quando qualche anno fa scrissi quella dispensa su whatsapp a cui faceva riferimento quel contatto nella mail ero addirittura incerto se pubblicarla o meno online, essendo tra i miei primi lavori di approfondimento su questa tematica.

La prima cosa che mi è venuta in mente è stata…ma guarda tu che casualità. Ho scritto tanti articoli, tanti post, tanti video in passato e mai un feedback e adesso invece tre tutti assieme. In realtà poi ho riflettuto meglio e al di là dei tre contatti ricevuti, quello che era successo innanzitutto che quando c’entri realmente un bisogno hai più possibilità di vincere (account hackerati ce ne sono tantissimi ogni giorno). E poi ho avuto la conferma che marketing ogni azione che fai è un seme che se annaffiato nel tempo è destinato sicuramente a germogliare. Fare qualcosa così, una tantum, a volte può anche portare risultati, ma non è quello che paga. Alla fine ciò che paga è la continuità: annaffiare quel seme con altre azioni concatenate, nel lungo periodo, serve a creare il presupposto per poter raccoglierne i frutti. A proposito: gli account hackerati sono stati ripristinati, senza che abbia chiesto alcun preventivo, e sono in attesa di approfondire la questione whatsapp per costruire un video corso. Eppure, all’inizio, quelle azioni fatte non avevano portato ad alcun riscontro…

Mi raccomando, in ogni ambito, non dare mai nulla per scontato: ogni azione fa la differenza. Sempre.

A presto!

Giovanni Accettola
Consulente Web & Marketing
giovanniaccettola@ramitalia.it
3496734396