fbpx
 

News30 Aprile 2021by Karina TardinoI 6 errori da non fare per avere un buon metodo di studio

https://ram-consulting.org/wp-content/uploads/2021/04/Karina_Tavola-disegno-1-01.jpg

Hai mai pensato quali sono le abitudini che fino ad oggi ostacolano e impediscono di ottenere ottimi risultati?

E se ti dicessi che è possibile ridurre al minimo i fattori di disturbo più comuni tra gli studenti?

Come ho accennato nell’ultimo articolo “impara ad imparare”, raramente ai giovani studenti viene insegnato un metodo di studio per apprendere meglio e ognuno di noi ha sviluppato una metodologia in autonomia, tramite esperienze.

Non esiste un metodo perfetto, ma è possibile ridurre al minimo i fattori di disturbo più comuni tra gli studenti e che io in primis commettevo, perché confusa dalle varie strategie che attuavo per studiare meglio.

Sei pronto a scoprire quali sono gli errori più comuni? Non temere, se ti renderai conto di commetterne più di qualcuno: ti assicuro che sei in buona compagnia.

1) Sottovalutarsi: spesso nel momento in cui dobbiamo affrontare una materia che non è di nostro gradimento, oppure è più complessa, ci siamo detti “non sono pronto” “non sono all’altezza” “non supererò questo esame” “è “troppo difficile per me” al punto di rimandare l’esame, senza neanche averci provato.  In questi casi, valuta le tue potenzialità, renditi giustizia e sii più consapevole della tua bravura. Impegno, atteggiamento e costanza, garantiranno il successo.

2) scarsa organizzazione nel reperire il materiale: Noi studenti quando iniziamo un nuovo esame da preparare, ci limitano al libro di testo, come se fosse la “Bibbia” o il manuale delle “sacre scritture”, senza approfondire o chiarire il quadro generale e senza sapere dove cercare le informazioni che ci serviranno ai fini dell’esame. Per cui, reperisci il materiale necessario e organizzalo nel modo più proficuo.

3) scarsa gestione del tempo: Spesso si studia senza una pianificazione del tempo anzi, molti studenti o adottano cicli di studio troppi brevi e la mente in questo caso, non riuscirà ad entrare nell’argomento o cicli di studio troppo lunghi in cui si  viene assorbiti dal tempo e dalle pagine, senza rendersi conto di quante ore si stanno investendo.

 Per tale ragione, hai mai sentito parlare della tecnica del pomodoro?

È un metodo pratico per ottenere la massima concentrazione con il minimo sforzo. Studia e suddividi gli argomenti in frazioni di 25 minuti senza distrarti o farti distrarre. Una volta che suona il timer, fai una pausa da 5 minuti e ricomincia con un altro pomodoro. Ricordati, che se ti distrai o ti fai interrompere, devi ricominciare. Allo stesso modo, se necessiti di avere cicli di studio o attività più lunghe, puoi decidere di fare un massimo di tre pomodori e di conseguenza, effettuare una pausa più lunga.

4) Poca disciplina: tutti nella nostra vita siamo circondati da familiari, amici, impegni e imprevisti dell’ultimo momento, sono tante le cause che ci allontanano dallo studio, ma è nostra sola e unica responsabilità e di nessun altro, mantenere lo sguardo fisso sull’obiettivo cioè: sul libro!

5) Difficoltà nel memorizzare: questa è la fase che tutti noi studenti più odiamo e  temiamo, perché le informazioni acquisite vanno memorizzate e la tecnica più ambita durante l’assimilazione è la ripetizione a “pappagallo”, di conseguenza, lo studio diventa faticoso e noioso e non efficace. Tutto dipende dall’approccio che si ha nei confronti di ciò che si sta per andare a fare. Se saremo convinti  che sarà un apprendimento lento e lungo, diventerà difficile e improduttivo.

6) Ansia da aspettative esterne: quante volte non ci sentiamo all’altezza per le alte aspettative che i nostri genitori, amici e parenti ripongono in noi, fino al punto di non reggere l’ansia, la paura o il dolore?

È giusto che da noi ci si  aspetti il meglio, anzi molto spesso lo studente ha una motivazione in più a preparare l’esame e terminarlo con ottimi risultati, ma aspettative eccessive, possono essere controproducenti e causano solo stress e ansia sul processo di apprendimento.  

Per cui: credi nelle tue capacità, abbi fiducia in te stesso e ricorda che le persone che credono nelle proprie potenzialità riescono a raggiungere i traguardi che si prefiggono e a superare con più facilità le difficoltà inevitabili della vita.

Questi sono gli errori che più influiscono sulla capacità di apprendimento, un insieme di attitudini, comportamenti, pensieri che riguardano il modo di approcciarsi allo studio e vengono considerati di fatto, difficili da cambiare e migliorare.

Nel prossimo appuntamento, analizzeremo gli elementi che contribuiscono al successo. Piccoli segreti che ti garantiranno un buon approccio allo studio e a qualunque impresa per la quale desidererai ottenere ottimi risultati.

“È il metodo che permette alle persone ordinarie di fare cose straordinarie”

Sidney Webb

 

 

 

Karina Tardino
Jr Consultant Marketing & Comunicazione

Condividi
Torna Su
Open chat