fbpx
 

NewsWeb Marketing28 Settembre 2019by Mariano MessineseCinque consigli per realizzare un sito web

Oggi è fondamentale realizzare un sito web per vendere e interagire con il mondo. Internet è un grande libro aperto, perché devi tenere chiuse le pagine della tua...
https://ram-consulting.org/wp-content/uploads/2019/09/Schermata-2019-09-26-alle-17.30.10-1024x536.png

Oggi è fondamentale realizzare un sito web per vendere e interagire con il mondo. Internet è un grande libro aperto, perché devi tenere chiuse le pagine della tua azienda o della tua storia personale? Prima di mettere il tuo sito online, però, è bene ricordare una cosa fondamentale: l’estetica non è un fattore determinante per creare un sito di successo. Annotato? Bene, non posare ancora la penna. Segnati questi 5 consigli necessari per realizzare un sito web utile.

RESPONSIVE

Secondo il report “Digital in 2019” oltre 5 miliardi della popolazione mondiale usa uno smartphone e di conseguenza anche la stragrande maggioranza degli accessi alla rete avviene tramite un dispositivo mobile. Del resto siamo sempre di fretta e lo smartphone è lo strumento ideale per connettersi con il mondo più velocemente. Per questo motivo, quando costruisci un sito web devi sempre pensare agli utenti che ti leggono da mobile. Se non hai pensato a questo, i lettori che atterreranno sul tuo spazio saranno costretti a compiere qualche operazione di troppo. Devi quindi ottimizzarlo per la navigazione da “cellulare”. Non ti spaventare. Non è difficile. E la maggior parte dei CMS sono ormai costruiti per i dispositivi mobile. E poi puoi sempre effettuare qui un test per verificare quanto sia responsive il tuo sito

VELOCE

D’accordo: il responsive è importante, ma da solo non basta. Per realizzare un sito web efficace è necessario anche garantire un’esperienza piacevole all’utente che lo visita. Perciò se non vuoi iniziare con il piede sbagliato, assicurati che la navigazione tra le pareti della “tua casa di proprietà virtuale” sia veloce. Del resto, la fretta che ci assale nella vita di tutti i giorni si ripercuote anche online. Se devi aspettare più di 3 secondi per aprire un sito, la soluzione più comoda è abbandonarlo per cercare altrove. Allora? Non lasciarti scappare i visitatori, comincia a ridurre il peso delle immagini presenti, controlla i plugin superflui  ed eventualmente eliminali. E dopo non dimenticarti di effettuare il test di velocità su Google: otterrai un report affidabile, sia su desktop sia su mobile, con l’elenco degli “errori” da correggere.

SEO

Ovvero Search Engine Optimization. E’ lo strumento migliore per aumentare il traffico sul tuo sito. Sotto questo semplice acronimo si celano tutte quelle attività volte a garantirti un miglior posizionamento sulle serp dei motori di ricerca. Insomma, ricordi quel vecchio detto:”il posto migliore per nascondere un cadavere è la seconda pagina di Google?” Bene, non dimenticartelo: se non sei posizionato in prima pagina, difficilmente sarai notato. A che serve avere un bel sito se poi non ha visibilità? A poco o a nulla. Leggi la Guida Seo, scarica il plugin Yoast e inizia a modificare “ON PAGE” il tuo blog/sito. Se hai un sito aziendale statico, puoi sempre creare un corporate blog con gli articoli curati secondo le impostazioni Seo. Oppure rivolgiti ai professionisti del settore. Ma non dimenticarti di una cosa fondamentale: non avere fretta. Per migliorare il tuo posizionamento sui motori di ricerca possono volerci svariati mesi, per questo è meglio iniziare da subito.

SOCIAL

Il sito web è la tua casa di proprietà, i profili social sono quella in affitto. Nella prima sei il padrone, nell’altra un ospite. Insomma, attenzione a confondere il web con i social media, sono due cose differenti, ma insieme possono costruire una strategia vincente per la valorizzazione dei tuoi contenuti. La parola d’ordine è interazione: condividi gli articoli del tuo sito/blog aziendale sui principali social: non solo Facebook, ma anche Instagram (tramite il link in bio sul profilo), la scheda MyBusiness e Twitter contribuiscono ad aumentare il traffico sul tuo sito web. Se crei engagement (conversazioni, reaction, condivisioni) sui post della fan page è più facile che gli utenti bussino alla porta della tua casa digitale. Ma il percorso può anche essere inverso: se crei una sidebar e la colleghi con i profili social,  i visitatori che atterreranno sulle pagine web potranno vedere quello che condividi anche su Facebook, Instagram e magari anche Twitter

QUALITÀ

Ultima, ma non in ordine di importanza: la qualità. Si, quella dei contenuti. Tutto parte da lì. Scrivi articoli interessanti, informativi, chiari e soprattutto originali.  Non copiare da altri siti, dai sfoggio della tua capacità, non forzare la mano con le parole chiave. Insomma, per fartela breve: scrivi per i tuoi lettori (fidelizzati o potenziali) e non per Google. Sì, sembra un paradosso, ma non lo è. La grande G non si offende: anzi più la ignori e più ti premierà con un buon posizionamento nella Serp. A patto, però, di seguire anche le altre quattro regole che ti ho illustrato in precedenza.

 

RICHIEDI UNA WEB ANALYSIS GRATUITA DEL TUO SITO WEB

CLICCA QUI

 

Mariano Messinese
Digital Media Strategist