fbpx
 

News10 Settembre 2021by Silvia Lansione3 Lezioni di Leadership da Sergio Marchionne

https://ram-consulting.org/wp-content/uploads/2021/09/Silvia_Tavola-disegno-1-01.jpg

“Esiste un mondo in cui le persone non lasciano che le cose accadano. Le fanno accadere”

Sergio Marchionne

 

Sembra ieri quando ti ho parlato di come organizzare al meglio le ferie, ed ecco che in un baleno siamo già alla ripartenza di settembre con una domanda che riecheggia nelle teste di tutti:

“quando ci sarà la ripresa economica Post Covid?”

 

Puntuale arriva l’ISTAT a fare un po’ di chiarezza e, stavolta, sembra  rincuorarci… Secondo le recenti indagini, infatti, si prevede un 2021/2022 incoraggiante per l’economia italiana. Insomma, sembra che si intraveda la luce in fondo al tunnel.

Naturalmente mi auguro che sia così, anzi, sono assolutamente convinta che ci stiamo affacciando ad un periodo di grandi opportunità.

Tuttavia, è proprio in questi momenti che mi chiedo…

davvero il destino della tua impresa dipende solo dalle condizioni di mercato?
Davvero basta la ripresa economica per far “risorgere” tutte le aziende?
Davvero puoi gioire solo quando l’economia è positiva?

In realtà, non è affatto detto che tutti sappiano trarre il meglio dalle condizioni economiche.
Nei fatti, soltanto poche e lungimiranti imprese sapranno davvero fare un salto di qualità generando ricchezza duratura.

Ma qual è, dunque, il modo migliore per orientarti tra gli alti e bassi del mercato?

 

LEADERSHIP: IL METODO MARCHIONNE

La chiave di svolta è nella leadership, quella che non aspetta che le cose accadano, ma le crea.

In questo inizio di settembre carico di fiducia e speranze verso il futuro, voglio parlarti proprio di leadership. Lo farò attraverso gli insegnamenti e le parole di Sergio Marchionne, personaggio controverso quanto innovativo e fuori dagli schemi. In tutti i casi, l’uomo che ha salvato la Fiat.

 

LA LEADERSHIP SECONDO MARCHIONNE

 

VISIONE MORALE E IMPEGNO SOCIALE

“Tutti quanti dovremmo ricordare l’obbligo morale che è collegato al fare impresa e il dovere che abbiamo di contribuire al disegno di crescita dei nostri paesi.

Da tutte le esperienze che ho fatto nella mia vita, mi sono reso conto che ogni storia di successo si basa sulla capacità di donne e di uomini di assumersi la responsabilità e l’impegno di imprimere una svolta culturale a un certo ordine di cose.

Chi guarda solo a se stesso non sarà mai una persona libera perché non ha altro spazio se non quello limitato e fragile di uno specchio. La vera libertà esiste solo nell’impegno.

Come disse Hegel: “Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione”. Credo che sia anche l’unico modo per trovare una realizzazione personale e dare un significato più profondo alla nostra vita. Nel seguire la propria strada, la responsabilità di ogni individuo, di ognuno di noi, è enorme”. 

 

QUALITÀ DELLE PERSONE E DEI LEADERS

“Molti mi hanno chiesto come abbiamo fatto a salvare la Fiat e qual è stata la ricetta magica. Quello che posso dirvi è che non c’è una ricetta industriale valida per ogni azienda; esiste però un approccio comune che è trasversale a tutte e che permette di risolvere anche le situazioni più difficili. Mi riferisco al fatto di riconoscere il ruolo centrale che hanno le persone e i leaders che la gestiscono.

La qualità delle persone è essenziale e niente la può sostituire. Ogni impresa è il risultato delle persone che ci lavorano e dei rapporti che si instaurano tra di loro. Per questo è così importante la qualità dei manager, la loro coesione, il fatto di condividere la stessa direzione gli stessi metodi gli stessi obiettivi e l’unione di tutti i leader intorno un sistema di valori comune.

Questo è l’unico segreto che conosco perché le organizzazioni non sono nient’altro che l’insieme della volontà collettiva e delle aspirazioni delle persone coinvolte”.

 

IL CORAGGIO DEL CAMBIAMENTO

“Il cambiamento è una delle forze più potenti che abbiamo a disposizione e che possiamo controllare per costruire qualcosa di grande.

L’era del grande uomo, dell’individualismo, del battitore libero che da solo risolve il problema di un’organizzazione ormai è morta e sepolta. I leaders, quelli veri, non sono nient’altro che strumenti di cambiamento. Il cambiamento è inevitabile e si verifica a un ritmo accelerato. Non ci si può permettere di attenersi ciecamente ai vecchi modi di fare le cose, anche se hanno funzionato in passato.

Tuttavia, ogni volta che si tenta di avviare un vero cambiamento, un coro di cinici vi dirà che non può funzionare, o che le cose semplicemente non si fanno in quel modo. Il cinismo è facile. Ci vogliono invece visione e coraggio per credere nel miglioramento.

Perciò voglio circondarmi di persone che siano in grado di essere leader in un mondo senza certezze, che sappiano operare bene in un mondo in continuo mutamento. Persone che possono vedere le cose come potrebbero diventare, invece di come sono sempre state. Persone disposte a rischiare la delusione del fallimento”.

3 lezioni di leadership secondo marchionne

 

Trovo che, soprattutto in un momento di ripartenza come questo, la leadership raccontata e realizzata da Marchionne racchiuda in sé l’emblema dell’imprenditoria lungimirante e pragmatica.

Quella consapevole che il mercato è qualcosa che non si può controllare, che gli alti e bassi dell’economia sono fisiologici ed inevitabili e che è inutile appellarsi al passato e a ciò che è stato.

Al mercato si risponde con quella che lui definisce “flessibilità bestiale”, quella che non segue linee prevedibili, perché “al traguardo della prevedibilità arriveranno prevedibilmente anche i concorrenti. E magari arriveranno prima di te”

 

Il futuro è in mano a chi vuole far accadere le cose, piuttosto che subirle.

 

La nostra arma più potente è il nostro libero arbitrio e la capacità di rispondere prontamente al cambiamento;

la nostra capacità di puntare sul valore delle persone, saperle guidare creando gruppi in cui la somma è migliore dei singoli.

 

Sono più che convinta che davanti a noi ci sia un futuro ricco di opportunità. E questo non perché lo dice l’Istat o l’economia. Ma perché saremo noi ad assumere un atteggiamento proattivo, ad aprire gli occhi e a cogliere le opportunità che si presentano.

 

I treni passano….per chi sa riconoscerli!

 

Ed è proprio per sfruttare in pieno l’onda della ripresa economica che ti invito a partecipare alla quinta edizione de La Grande Sfida in Tour, l’evento business gratuito della Ram Consulting dedicato al Management d’Impresa.

Un evento che si ripeterà in tre appuntamenti su Benevento, Caserta e Salerno, in tre venerdì consecutivi l’1, 8 e 15 ottobre, con ospiti d’eccezione per ogni tappa.

Un’occasione unica di scambio, arricchimento e ispirazione e per tessere utili relazioni professionali e nuove opportunità di business.

Insomma, il modo migliore per ripartire e lanciarti con entusiasmo nel mondo di opportunità che ci attendono.

 

Naturalmente ti aspetto! E se vuoi saperne di più oppure vuoi organizzare anche Tu una Grande Sfida sul tuo territorio o per la tua rete di relazioni con clienti e fornitori, contattami al 329 3859803 e sarò ben lieta di spiegarti come fare!

REGISTRATI GRATUITAMENTE

La Grande Sfida in Tour

 

 

 

Silvia Lansione
Business Management Consultant
silvialansione@ramitalia.it – 329 3859803

 

Condividi
Torna Su
Open chat