Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

I Social Media... un fenomeno rivoluzionario o una grande bufala? Una opportunità di business o un luogo di "cazzeggio"?
 

Le correnti di pensiero si sprecano ma il mondo si divide tra chi è (informaticamente) social e chi no, tra chi ama e chi odia questi new media che di fatto hanno cambiato le abitudini sociali del nostro vivere.
 

A mettere d'accordo tutti ci pensano però i numeri e il video qui di fianco è uno dei tanti studi americani che testimoniano come le statistiche riguardanti i social network siano talmente incredibili da poter parlare senza timore di smentita di un vero e proprio fenomeno epocale!
 

Il nostro parere è che, come tutte le cose, conoscenza inclusa, i social network siano uno strumento e in quanto tale utilizzabile in modo positivo e utile ma allo stesso tempo in modo negativo e inutile. Sta a noi decidere che uso farne e se volete un consiglio spassionato "non perdete l'occasione di sfruttare anche per il vostro business strumenti di comunicazione dalle potenzialità incredibili"!
 

Come ha detto qualcuno, però, prima di condividere occorre essere, questo non lo dimentichiamo mai!!!

 

 

Nella nostra visione dei Social Media per il business cinque sono, tra i tanti, i canali che proprio non possono mancare nella comunicazione online di un'azienda evoluta. 
 

Si parte da Facebook, volenti o nolenti il re dei social network per numero di utenti, per seguito, per diffusione e utilizzo, per poi andare su Twitter con logica e dinamiche differenti, dall'amicizia e dai Mi Piace si passa ai follower, i seguaci, dove tutti possono seguire tutti e rendersi visibili con gli hashtag.


Il secondo motore di ricerca al mondo è Youtube e i video rappresentano i contenuti più visualizzati sul web, come rinunciare allora ad un canale così potente e performante?


Se parliamo di business non possiamo poi non essere presenti sul professional network più diffudo e affermato quale LinkedIn che, oltre a posizionare verso l'alto l'Azienda, può creare relazioni e contatti con qualsiasi tipologia di addetto ai lavori e di professionista.


Infine riteniamo che, per quanto debole in termini di utilizzo, Google Plus, il social di Google, rappresenti una buona occasione di visibilità per l'indicizzazione sul motore dei motori, sul dominatore del web che è Google. Discorso analogo per tutti i tools di Google a partire da Google Map.


 

In base al settore commerciale di appartenenza i social network possono assolvere a diverse funzioni, da quella informativa e divulgativa a quella di branding, di engagement fino a quella di vendita.
 

Potremmo dire che i canali social rappresentano virtualmente una piazza molto affollata di persone, e quindi di potenziali clienti, e la strategia social deve mirare a intercettarne il maggior numero possibile per portarli in casa propria (il sito web aziendale) e per indurli all'azione (compilare un form, commentare e interagire, acquistare, etc.).
 

Sui social network bisogna interagire, stabilire connessioni, attirare interesse e attenzione, dirottare traffico sul sito aziendale, rispondere tesmpestivamente alle richieste del pubblico, ma soprattutto dare consigli e rendersi utili per fare in modo che sia l'utenza a desiderare l'interazione. Sui social network bisogna comunque catturare un pubblico che renda visibili e utili i contenuti da riversare con continuità.


Sui social network bisogna fare molta attenzione alla gestione dei commenti negativi, non bisogna polemizzare o criticare ma soprattutto bisogna esserci. Piuttosto che attivare un canale social e poi abbandonarlo molto meglio disattivarlo o non attivarlo proprio!

 


 

Scarica la Dispensa sul Social Media Marketing

Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spam: il tuo indirizzo non sarà comunicato o ceduto a NESSUNO. Questo è un nostro preciso impegno!

CAPTCHA code

Per saperne di più sull'argomento

compila il form qui di fianco e
 

riceverai ora e gratis:


- una DISPENSA in pdf sul

"Social Media Marketing"