Torna su

 

 

 

 

 

Ogni volta che scendi in campo puoi vincere o perdere. La questione è sei capace di gestire entrambe le cose da “bella persona”? 



Saper vincere non è così facile come sembra, ma è certamente molto più facile che saper perdere: saper perdere senza cercare colpevoli, senza puntare il dito
sul vicino, senza perdere la fiducia negli altri componenti del team, non è da tutti.


 

Come nella vita, anche nello sport si vince e si perde, si cade o ci si esalta, ma successo o insuccesso… sono un participio passato, cioè indicano qualcosa che è già accaduto. Quindi non importa il risultato acquisito. S’impara la lezione nella sconfitta, e ci si mantiene umili nella vittoria e si riparte con fiducia per la prossima sfida, che più che al prossimo avversario, è soprattutto a noi stessi, per migliorare un poco ogni giorno, per offrire il nostro contributo di valore al gruppo, perché solo così siamo veramente fieri.



Fin dall’adolescenza c’è sempre stata una lettera di Kipling al figlio, che mi ha ispirato e mi ha guidato, sia nei momenti di esaltazione quando ho viaggiato con il vento in poppa, sia quando avevo il vento contrario e non voleva smettere di soffiare forte.

 


IF (Se)
Con questa lettera, datata 1910, Rudyard Kipling cercò di insegnare al figlio a distinguere fra il bene e il male.

 

Se riesci a conservare il controllo quando tutti Intorno a te lo perdono e te ne fanno una colpa;
Se riesci ad aver fiducia in te quando tutti ne dubitano, ma anche a tener conto del dubbio;
Se riesci ad aspettare e non stancarti di aspettare, o se mentono a tuo riguardo, a non ricambiare in menzogne, o se ti odiano, a non lasciarti prendere dall'odio, e tuttavia a non sembrare troppo buono e a non parlare troppo saggio;
Se riesci a sognare e a non fare del sogno il tuo padrone; Se riesci a pensare e a non fare del pensiero il tuo scopo; Se riesci a far fronte al Trionfo e alla Rovina e trattare allo stesso modo quei due impostori; 
Se riesci a sopportare di udire la verità che hai detto distorta da furfanti per ingannare gli sciocchi o a contemplare le cose cui hai dedicato la vita, infrante, e piegarti a ricostruirle con strumenti logori;
Se riesci a fare un mucchio di tutte le tue vincite e rischiarle in un colpo solo a testa e croce, e perdere e ricominciare di nuovo dal principio e non dire una parola sulla perdita; 
Se riesci a costringere cuore, tendini e nervi a servire al tuo scopo quando sono da tempo sfiniti, e a tener duro quando in te non resta altro tranne la Volontà che dice loro: "Tieni duro!".
Se riesci a parlare con la folla e a conservare la tua virtù, e a camminare con i Re senza perdere il contatto con la gente, Se non riesce a ferirti il nemico né l'amico più caro, Se tutti contano per te, ma nessuno troppo;
Se riesci a occupare il minuto inesorabile dando valore a ogni minuto che passa, 
Tua è la Terra e tutto ciò che è in essa, e - quel che è di più - sei un Uomo, figlio mio!
 - Rudyard Kipling



Sabato prossimo tutto il Team Ram Consulting sarà protagonista insieme ad Accademia Volley per la Giornata Sponsor. Da anni partner dell'Accademia Volley, la Ram è stata spesso protagonista insieme alla società di una serie di attività sia di promozione che di motivazione con i vari gruppi di atlete che si sono alternati negli ultimi anni sul campo di gioco. 
 

 

La perfetta corrispondenza tra performance sportiva e performance aziendale ha reso infatti profittevole il connubio tra queste due realtà e proprio di questo si parlerà durante la diretta pre partita con il Team della Ram Consulting.

 

 

Da quest'anno, inoltre, Ram Consulting è anche sponsor della maglia del libero, con una divisa interamente brandizzata, e segue anche l'immagine coordinata e i contenuti del magazine Accademia News, interamente a cura del suo ufficio marketing e comunicazione, in particolare con la mia Rubrica #DipendeDaMe.

 

 

 

 

 

 

 

Ricorda:



"Qualunque cosa accada intorno a te, la Vita non è tanto ciò che ci accade, ma come interpretiamo e rispondiamo a ciò che ci accade. Quindi non prendertela mai in modo personale. Quando prendi le cose in modo personale ti senti offeso e la reazione è quella di difendere le tue convinzioni, creando altri conflitti. Rendi così, grande qualcosa che di per sé è piccolo.

 


La Vita è avanti, e non devi permettere a qualcosa di negativo, ma che è già… successo, di comprometterla.

 

 


Buona Vita
Pasquale Tardino


Data: 11/01/2018




Ritorna