Torna su

 

 

 

 

 

 

 

Quante volte ci è capitato di vedere un video? Beh, tantissime immagino.
 

 

Per guardare un film, un video musicale, un corso online, una registrazione...chi di noi non l'ha fatto? Oggi giorno, invece, è addirittura la comunicazione che viene sempre più spesso affidata ai video. 

 

E la cosa non deve stupire: la velocità e il tempo sono diventati due fattori fondamentali nella nostra giornata. Non ho tempo, è quello che spesso ci capita di pensare o di dire. E così anche per informarci e comunicare con gli altri l'utilizzo di un video è diventato di fondamentale necessità!


 

Il primo motivo è che la velocità con cui viaggia un'informazione attraverso un'immagine visiva è di gran lunga superiore a qualsiasi altro strumento, ma inoltre, secondo motivo, è che la quantità di dati che vengono acquisiti attraverso la fruizione di un video e che restano nella mente dell'utente è davvero spaventosa.


 

Non a caso il principale social network in circolazione, Facebook, ha spostato l'attenzione su questo aspetto cercando di incentrare i contenuti prevalentemente sui video. Addirittura, a seguito di uno degli ultimi cambiamenti del proprio algoritmo, la visibilità delle pagine aziendali su Facebook viene agevolata se la prevalenza di contenuti pubblicati appartiene alla categoria dei video.


 

E quindi...video si o video no?

 

Prima di rispondere pensa che gli smartphone e i dispositivi mobili, ormai nostri compagni di viaggio e di lavoro quotidiani, si prestano benissimo a questo tipo di contenuto. E non mi riferisco solo alla connettività sempre a portata di mano che ci dà continuo accesso alla rete, ma anche alla realizzazione di contenuti video.


Le caratteristiche di questi device infatti consentono di creare video di assoluta qualità, sia in termini di qualità di immagine, di luce che di audio. Basta prendere qualche piccolo accorgimento, te ne do tre:



 

1. Registra un video con il telefono in posizione orizzontale

2. Evita di usare lo zoom digitale dello smartphone ma prediligi una inquadratura fissa

3. Utilizza sempre due mani per una maggiore stabilità o un supporto


E allora...video si o video no?.


Non rispondere ancora. Perché se stai pensando di non essere in grado o portato per registrare un video o affidare un messaggio ad un video, ti mostro come puoi aggirare questa "finta" criticità.

 

 

 

 

 

 

 

 

Se ti è piaciuto questo video e vuoi saperne di più su come poter realizzare correttamente dei video per il web, al prossimo corso Public Speaking, in programma i prossimi 10 e 11 ottobre, farò vedere come è possibile, in pochi passi, preparare e realizzare un video che contenga tutte le informazioni necessarie da trasmettere, le parole da utilizzare, lo schema da seguire che, ovviamente calibrato con qualche piccolo accorgimento per una singola occasione, può essere sempre valido.

 

 

 

Per tutte le info sulle due giornate di formazione puoi cliccare sull'immagine in basso

 

 

 

 

 

 

 

 

Video si, video no? Adesso tocca a te rispondere!

 

 

 


Giovanni Accettola

Web&Social Media Ram Consulting


Data: 27/09/2017




Ritorna